Электронная книга: Stephen Goldin «L’isola Del Tesoro»

L’isola Del Tesoro

Un gioco interstellare sexy. Tyla deVrie e suo fratello Bred corrono attraverso la galassia per trovare oggetti rari su mondi esotici. Il Cacciatore ha ucciso i loro genitori 20 anni fa e, mentre sfrecciano attraverso la galassia nel decadente yacht spaziale di Bred con la sua ciurma di sole donne, scoprono che la posta in gioco non è meno cupa questa volta. La ricompensa della gloria eterna meriterà il prezzo possibile della loro vita? Un gioco interstellare sexy ed eccitante. Il povero ozioso della Società galattica aveva poco da fare che fosse produttivo, quindi adoravano inventare piccoli giochi inutili per tenersi occupati e la più grande era la Caccia al Tesoro, solo una volta ogni 20 anni. Visitare mondi diversi, prendere oggetti difficili da acquistare che non possono essere semplicemente acquistati e divertirsi. Un modo intelligente per passare ore vacue. Tyla deVrie e suo fratello gemello, Bred, seguono la tradizione familiare di entrare nell'Isola del Tesoro. I loro genitori sono morti durante l'ultima Caccia 20 anni fa e intendono riconquistare l'onore della famiglia. Ma mentre salgono da un pianeta all'altro a bordo dello yacht spaziale decadente di Bred con il suo equipaggio tutto al femminile, il destino sembra rendere la Caccia al tesoro molto più di un semplice gioco. Ciò cambierà irrevocabilmente le loro vite, se non li finirà prima.

Издательство: "Tektime S.r.l.s."

Категории:

ISBN: 9788873045984,978-5-04-164683-7

Характеристики

Форматы:
Возраст: 0

электронная книга (fb2, fb3, epub, mobi, pdf, html, pdb, lit, doc, rtf, txt)

Цена: 380.29 руб

Подробнее и скачать

Ознакомительный отрывок книги:

VELOCE
LENTO
LUMINOSO
BUIO

   

   * * *

   

   Il piccolo sole rosso stava combattendo la sua battaglia quotidiana con le nebbie della sera e, come al solito, stava perdendo. Da qualche parte tra gli alberi, un lassadet trillò dolcemente, accogliendo l’oscurità che si stava avvicinando. In lontananza si udì il lento clippity clop clip-clip di qualche ritardatario in cerca di casa sul suo logoro territorio. L’aria era pulita e aveva un delizioso sapore di vino.

   Bred scrutò il viale carico di nebbia. Lì, proprio ai limiti della percezione. È stato Tyladerm a tornare, dopo tutto. Lui voleva urlare, ballare e giocare a vaska con delizia sfrenata, ma sapeva che uno spettacolo del genere sarebbe stato sconveniente. Quindi rimase lì in mezzo alla strada, aspettando con impazienza mentre il suo meraviglioso corpo chiazzato di viola si avvicinava.

   “Sbrigati!” gridò quando fui finalmente a portata d’orecchio. “Il malathin è già iniziato. Non vogliamo fare troppo tardi.”

   Tyladerm si accucciò pigramente e lo guardò in maniera timida. “È quella casa benvenuta che ricevo?” chiese.

   In risposta, Bredakon sollevò i suoi viticci verso i suoi, ed entrambi loro rimasero amorevolmente per un momento con i propri viticci intrecciati. Fu come quella prima notte di piacere, mi viene di nuovo in mente tutto in una volta. Tutti e due poterono sentire l’aura, e si aggrapparono al momento, riluttanti a lasciarlo andare di nuovo.

   Alla fine si separarono dall’abbraccio e insieme cominciarono a muoversi verso l’edificio. “Grande è il Zethos,” sospirò Tyladerm con nostalgia, i suoi quattro occhi scintillanti per la felicità della riunione.

   “E più grandi siamo noi che facciamo gli Zethos,” rispose Bredakon in tono dolce e gentile. E insieme loro

   

   * * *

   

   Feroce e bruciante dolore nella sua zampa anteriore sinistra. Akkabred si girò in preda al panico e guardò in tutte le direzioni, ma fu lo stesso. Il fuoco, il nemico universale, non l’aveva fatto. Le fiamme spuntarono dappertutto, distruggendo la casa e trasformando la sua terra in un campo di fuoco.

   “Aiuto!” egli sentì Nastyla gridare dietro di lui e si voltò di nuovo. Lì, nella parte più calda dell’inferno, il suo carapace si spezzò dal calore e i suoi occhi si aprirono dalla paura. “Per favore aiutatemi!”

   Lui si mosse verso di lei, deciso a salvarla quando all’improvviso, tra loro, apparve una cosa pazzesca

   

   * * *

   

   Su una collina di primavera, una coppia si stava nascondendo tra le piante

   

   * * *

   

   “Attenti!” gridò uno quando la bestia saltò dall’altra parte

   

   * * *

   

   Di cosa si trattava?

PENSO CHE LA CABNINA STAVA PROVANDO A SPREMERCI SU ALCUNI MODELLI

    PENSO CHE LA CABNINA STAVA PROVANDO A SPREMERCI SU ALCUNI MODELLI STANDARD. NOPN ERAVAMO ADATTI A LORO.

   Ovviamente, ma adesso sembra essersi fermato. Si sta arrendendo, pensi?”

NO, PROBABILMENTE SI MANITIENE PROVANDO I MODELLI FINO A FARE QUELLO CHE FACCIAMO NOI

   

   * * *

   

   Una giornata di relax a casa nelle tenute di famiglia, da qualche parte nei giardini che circondavano la villa. Erano chiamati giardini, ma lo erano anche le foreste paesaggistiche che avevano circondato Versailles. Un picnic, aveva detto Naija deVrie, e suo marito Orren aveva sorriso. I gemelli, di otto anni, avevano entrambi strillato di gioia. Così i deVrie più anziani, i bambini e l’infermiera avevano trovato un posto nella foresta pianificata che era ombreggiata senza essere eccessivamente fresca, il tempo perfetto per giocare nei boschi.

   “Possiamo andare alla ricerca dei nidi di uccelli?” Bred e Tyra chiesero ai loro genitori.

   Naija deVrie: lunghi capelli biondi di seta le scendono sulle spalle, un viso splendente, delle labbra sorridenti, una voce tutta fresca e in attesa di essere raccolta e mangiata. “Assicurati che l’infermiera li accompagni. Non vogliamo che li perda di vista.”

   Orren deVrie: deciso ma caldo, rigoroso ma amorevole, un corpo forte e sano nel pieno della condizione fisica, voce profonda e occhi scintillanti. “Divertitevi. Non state lontani per troppo tempo.”

   U0na passeggiata nei boschi, all’inizio lentamente, che l’infermiera che si trascina dietro in maniera discreta (lascia che i bambini si divertano, non lasciare che si possano fare del male). Quindi più velocemente; l’infermiera cominciò a rimanere dietro. (Un’infermiera robotica avrebbe potuto tenere il passo con qualsiasi cosa; le infermiere umane erano più eleganti.) “Aspetta,” lei gridò. Le gemelle ridono e scappano nel bosco, fino a quando l’infermiera sparisce completamente dalla loro vista. Solo le sue grida echeggiarono lontane tra gli alberi.

   Serpeggiando per un po’ e godendosi il giorno e il luogo, senza fare nulla di importante. Quindi, “Spiamo mamma e papà,” suggerì Bred.

   Entrando furtivamente tra i cespugli, attenti a non fare il minimo rumore che avrebbe tradito il loro avvicinarsi. Loro guardarono. I loro genitori nudi, che lottavano per terra, grugnendo e gemendo. Le mani di Naija artigliano la schiena di Orren, Naija emise una risata. Loro si baciano. Ridono. Tutti e due pompano in preda al delirio.

   Allora indietreggiando, facendosi delle domande meravigliati per quello che videro. Loro vanno in un altro posto, provalo per loro. Corpi nudi e immaturi che cominciano a contorcersi in preda ad una finta passione, ridendo scioccamente mentre l’incontro diventa un incontro tra due persone che si stanno facendo il solletico.

   “Voi due dovreste vergognarvi.” L’infermiera, alla fine, li raggiunse, incombendo su di loro come un orco di disapprovazione. “Rimettiti i vestiti.”

   Essere trascinato di nuovo in casa senza avere la possibilità di spiegarlo ai loro genitori. Fino alla canna gravitazionale fino al terzo piano. In quella stanza con la grande porta, la stanza della punizione. Piangere non fa bene, neanche ad un’infermiera arrabbiata e frustrata. La grande porta oscilla e l’oscurità li avvolge.

   

   * * *

   

   La porta grande, ma non abbastanza, si apre. L’infermiera è lì in piedi, a piangere. Lei sembra un po’ più grande, adesso, ma lo sono anche i gemelli. Sono tredici – cresciuti, quasi.

   “I tuoi genitori sono morti,” gridò l’infermiera. “Ho appena ricevuto il messaggio. Sono stati uccisi durante la Caccia al Tesoro. Non so come.”

   C’è voluto un momento per affondare. Non più Orren deVrie. Non più Naija deVrie. Niente più mamma e papà. Mai più. Un momento incapsulato, sospeso nel flusso del tempo. Sconcerto, confusione, incredulità.

   “No!” Tyla grida. Lei corre lungo il corridoio e nella sua stanza da letto, sbattendo la porta dietro di sé. Bred lì in piedi che voleva piangere, sapendo che non potrebbe, non è sicuro di cosa ci si aspetti da lui. Solo in piedi.

   

   * * *

   

   “Buon compleanno a te,” cantarono gli ospiti riuniti, “Buon compleanno a te. Buon compleanno, Bred e Tyla, tanti auguri a te.” Loro furono costretti ad affrettare un po’ la terza riga così “Bred e Tyla” ski adatterebbero alla scansione, ma era davvero il pensiero che contava.

   C’erano quindici candele su ciascuna delle due torte. Zia Nillia – lei non era davvero la loro zia, naturalmente, ma lei insisteva che la chiamassero così – ne aveva specificate due, in modo che non ci sarebbe stata alcuna discussione tra i gemelli su di chi fosse tra i due la torta. Avevano litigato molto nei due anni trascorsi da quando i loro genitori sono morti, arrestando lo sviluppo e la mancanza di autorevoli figure, dissero gli analisti, e zia Nillia non voleva che qualcosa si rovinasse in questa occasione.

   Un picnic era stato programmato per la festa di compleanno di quest’anno a causa delle sue dimensioni necessarie. Essendo gli unici eredi diretti, il compleanno di Bred e Tyla era una grande occasionale sociale, e l’esperienza dello scorso anno con la sala aveva convinto Nillia che solo un sito all’aperto avrebbe funzionato. Lei aveva affittato l’intero Parco delle Bermuda per l’occasione. Il tempo che lei aveva ordinato era perfetto, i soldi, in particolare i soldi di deVrie, hanno fatto miracoli.

   Secondo Nillia, Tyla stava cercando con tutte le sue forze di diventare una signorina perfetta; era quel Bruce malizioso e incontrollabile che stava facendo tutti i guai tra di loro. Ma Bred era il più vecchio, anche se solo di pochi minuti, e meritava il rispetto secondo le regole elaborate della Society. Tyla era vestita alla moda e ordinatamente camminando eretta e facendo una conversazione educata. Bred aveva tenuto tutto per sé per la maggior parte della festa, ed era già riuscito a sporcarsi i vestiti.

   Parenti, amici e sconosciuti si riunirono in giro dopo il taglio delle torte, donando i loro regali superflui ai gemelli – superflui perché i bambini deVrie avevano già tutto quello che potevano desiderare. Ma i regali erano tradizionali e ci sarebbero stati. Tyla seguì il rituale di aprire tutti i suoi e ringraziando i donatori; Bred lascia solo il proprio posto a sedere e ignora tutti loro.

   Poi tutti presero un pezzo dell’una e dell’altra torta e si misero a sedere a parlare da adulti. Bred e Tyla erano gli unici bambini alla festa – i bambini non erano incoraggiati alle funzioni sociali, ma i gemelli non potevano essere esclusi da questo.

   “Dannazione, Bred, dai loro la schiena!” l’alto grido di Ty8la trafisse il ronzio della conversazione. Le teste si voltarono di scatto per vedere quale fosse il problema.

   Bred stava ballando scherzosamente appena fuori dalla portata di sua sorella, con in mano un piatto con una fetta di torta. Tyla con la faccia rossa come una ciliegia, stava afferrando inutilmente il piatto. Le sue braccia ondeggiarono selvaggiamente mentre i suoi occhi erano annebbiati di lacrime incipienti, e Bred ebbe qualche problema a tenersi appena oltre la sua presa

   “Qual è il problema, Tyla?” gridò Zia Nillia

   “Bred ha rubato una fetta della mia torta,” gridò Tyla. “Fagliela restituire.”

   “Zia Nillia mi ha detto che entrambi i dolci appartenevano a entrambi,” disse Bred in difesa. Stava ancora sorridendo e sfuggendo agli affondi infuriati di sua sorella.

   Alcune delle donne scossero la testa. “A giudicare dal loro comportamento, non penseresti che siano quindici oggi,” disse una signora non identificata. “Si comportano come bambini viziati di cinque anni.”

   “Stanno solo giocando,” disse Zia Nillia con un tono che intimava a lei di sapere di cosa si stesse parlando. “Si sentono esclusi dalle nostre cerchie e non c’è nessuno che abbia la loro età con cui giocare. Lasciali in pace. Non si faranno del male. Non lo fanno mai.”

   Tyla aveva preso sul serio Bred, e il ragazzo fu costretto a correre per sfuggirle. Corse avanti e indietro tra gli adulti, continuando a ridere, e lei lo seguì da vicino, senza mai riuscire a raggiungerlo. Le sue lacrime si trasformarono in implacabile determinazione per catturare il ladro di dolci e vendicare il suo crimine efferato. Bred la schernì gridando “TUil+li8e non riesce a prendermi.” Schivandola, si nascose dietro alcuni alberi, fuori dall’area picnic e sulle colline, e ben presto entrambi i bambini si persero di vista.

   “Non hai paura che si possano perdere?” Qualcuno chiese a Zia Nillia.

   Lei scosse la testa in maniera consapevole. “No, questo è un Parco Pianificato. Nessuno si può perdere in un parco del genere.”

   Nel frattempo, Bred e Tyla erano ancora coinvolti nella loro caccia che finì bruscamente quando il piede di Bred prese un ciuffo di terra e lui volò in avanti. Tyla, incapace di fermarsi in tempo, inciampò su suo fratello ed entrambi rotolarono giù per la collina erbosa in un groviglio di arti. Un piccolo cespuglio in fondo fermò il loro rotolamento, fuori dalla vista del resto del mondo. Bred atterrò sopra sua sorella.

   “Mi darai la mia torta, adesso?” lei chiese.

   Bred indicò il punto dove la fetta era caduta nell’erba. “Se vuoi mangiare una fetta di torta sporca, sii mia ospite.”

   La rabbia di Tyla esplose in un’intensità incontrollabile. Strinse i pugni e cominciò a picchiarli contro le spalle del fratello. Si appoggiò sui gomiti e le prese le mani, tenendole in modo che non potesse colpirlo. Lei lotto inutilmente contro la sua forza più grande. Poi, all’improvviso, smise di lottare e si guardarono negli occhi.

   Orren e Naija che si accoppiano tra i cespugli.

   In pochi minuti, oggi è diventato più di una semplice festa di compleanno.

   

   * * *

   

   Tyla-Bred?

   Bred-Tyla?

   Liscio, spingere-tirare, tiepido, caldo, muoversi, grugnire, sussultare, MUOVERSI, su, giù, dentro, fuori, accarezzare, Orren-Naija, sì, sì, sì.

   

   * * *

   

   Egli si rigirò sulla schiena, i suoi occhio si aprirono di sbieco mentre osservavano le nuvole grigie riunirsi minacciosamente sopra la testa. Diede una gomitata sulle costole a sua sorella con il gomito. “Dai, svegliati.”

   “Che c’è?”

   “Faremmo meglio a tornare indietro. Molto presto cominceranno a preoccuparsi per noi.”

   “Mmmh!”

   “Lo sai com’è Zia Nillia quando è arrabbiata.” Egli si alzò e le afferrò un braccio per farla alzare. Invece, lo strattonò e lo tirò indietro, ridacchiando felicemente.

   “Non dirmi che vuoi di più?” disse con finta incredulità.

   “Mm-hmm!”

   “Masochista.”

   Un lampo nel cielo, seguito pochi secondi dopo da un rombo di tuono come l’ira divina. Un vento freddo e pungente raccolse, soffiando delle foglie contro la loro pelle. Tyla aprì gli occhi. “Pensavo che Zia Nillia avesse ordinato un bel tempo per oggi.”

   La pioggia cominciò a colpirli, grandi gocce appiccicose. Nel giro di un secondo, fu un diluvio di acqua fredda e amara. “Qualcuno ha sbagliato,” disse Bred. “Faremo meglio ad alzarci.”

   La collina si era trasformata in vetro quando loro riacquistarono i propri piedi. Vetro liscio e scivoloso che non lasciava alcun attrito per l’appoggio. Loro provarono a risalire, ma riuscirono a fare all’incirca solo un metro prima di scivolare di nuovo verso il basso.

   La pioggia stava scendendo più forte e la visibilità fu difficile. Brancolarono intorno a se stesso. Tutte le colline si erano trasformate in vetro,- delle scogliere piatte che si innalzavano centinaia di metri sopra le teste dei gemelli, vetro trasparente, assolutamente non riscrivibile. Si ritrovarono in uno stretto canyon, con solo un piccolo sentiero ai loro piedi che li conduceva più in basso nel profondo dell’abisso.

   Adesso la pioggia era accecante nella sua intensità. Era impossibile vedere oltre un metro più avanti. Il vento raddoppiò la sua forza e abbassò ancora la sua temperatura. Bred prese la mano di Tyla. “Andiamo, non possiamo semplicemente stare qui in questo modo.”

   Correndo lungo il fondo del burrone, l’unico sentiero aperto a loro. La pioggia rese la strada più scivolosa. Caddero, si alzarono e caddero di nuovo quando il loro appoggio cedé. La pioggia continuò a scendere, inzuppandoli sena fiatare, e i loro vestiti si aggrapparono a loro come una seconda pelle.

   Tyla, raddoppiò, “Oooh. Ow.”

   “Che cosa c’è?”

   “Ho un crampo allo stomaco.” Lei si inchinò, tenendosi lo stomaco e gemendo piano.

   Anche Bred sentì delle tenaglie calde che stavano bruciando attraverso i muscoli e la pelle e anche la bocca dello stomaco.

   L’acqua riempì la loro piccola voragine. Già stava al livello delle loro caviglie. Allungò una mano e prese di nuovo quella della sorella. “Dobbiamo continuare a muoverci.”

   La pioggia si era trasformata in grandine,- adesso. Dei grandi chicchi di grandine che si infrangono nei loro corpi, e le pietre di grandine sono in fiamme e bruciano la pelle quando toccano e arrivano con un impatto sconvolgente. Bred e Tyla smettono di pensare e cominciano a reagire istintivamente.

   Quindi il diluvio continuò a ruggire lungo il canyon come il pugno di un gigante, che i catturava da dietro e li spazzava via dai loro piedi. Le pareti del canyon erano alte e levigate, e il cielo era solo un rumore di pece nera sospesa sopra di loro da qualche parte, se avessero osato guardare fino in fondo. L’acqua stava continuando a ribollire di rabbia fredda tutt’intorno. Loro remarono furiosamente per mantenere la testa sopra di essa. Dei chicchi di grandine grossi come delle uova di gallina colpirono i loro teschi.

   Un buco nella parete di vetro accanto a loro. Bred l’afferra, la prende, allunga la mano e fa entrare sua sorella dietro di lui. Fuori da questa piccola grotta, le acque dell’inondazione imperversarono e la tempesta continua.

   All’interno, c’era poco sollievo dal tormento. Il freddo era un mostro, che li mordeva con denti di ghiaccioli e li avvolgeva dentro mani di gelo. Quasi prima che loro potessero pensare, l’acqua che copriva i loro corpi si stava congelando in una coltre di ghiaccio. Nonostante il loro disperato bisogno di ossigeno, si sollevarono e si addentrarono nella caverna, lottando per non diventare delle statue di ghiaccio. Si addentrarono nei buchi recessi del passaggio che stavano percorrendo.

   Occhi rossi, piccolissimi occhi rossi, stavano guardando mentre corrono senza perderli d’occhio. Sempre in coppia, senza battere ciglio, quei minuscoli occhi rossi. Stavano guardando. Riempiendo le fessure e le cavità nelle pareti della caverna con i loro punti rossi. Piccoli rumori cigolanti. Roditori, un esercito di piccoli roditori invisibili ad eccezione di quegli occhi rossi. Stavano guardando.

   I crampi allo stomaco raddoppiarono d’intensità. Tyla cadde a terra dolorante. Il suo corpo iniziò a congelarsi. Bred s’inginocchiò accanto a lei, dimenandosi per impedire che il ghiaccio si formasse sopra di lui mentre si allontanava da lei con le unghie. Lui la sollevò ed entrambi ripresero a correre, chinati nonostante fossero doloranti. Il tunnel era buio e non potevano vedere neanche a un centimetro davanti a loro – solo quegli occhi rossi di fianco. Stavano continuando a guardare.

   Senza luce, corsero verso il muro alla fine del corridoio. In alto, un albero si sollevò verso l’alto e, alla fine, videro un minuscolo cerchio di luce. Molto alto, molto lontano. Si girarono e guardarono alle loro spalle. Un esercito di occhi rossi, che avanza affamato. “Allora, andiamo,” uno di loro – nessuno fu sicuro di cosa – disse.

   La scalata dall’inferno fu quasi pessima come l’inferno in sé. Raschiare le nocche e le dita contro le rocce più fredde del ghiaccio. La pelle si attaccava alla roccia fredda, lacerandosi mentre loro cercavano nuovi appigli. Fuoco nello stomaco. Inala l’aria che bruciava dal freddo e lacerando i polmoni. Il fiato esalato era talmente nebbioso che offuscava la visione.

   Ma c’era una luce lassù. Muoviti. Muoviti verso la luce. Vedi, diventa sempre più luminosa. Scala. Il cerchio diventa più grande. Arrampicati, dannazione! Devi raggiungere la mano che stava tamburellando, ci puoi provare. Cerchio in espansione.

   R

   A

   G

   G

   I

   U

   N

   G

   I…

   

   * * *

   

   “Bene, capo, se questa è tutta la gratitudine che ricevo per salvarti la vita,” la voce cinica di Vini disse a un milione di parsec di distanza, “allora smetto.”

   Bred si rese conto che stava fissando una targa. La sua mano l’aveva raggiunta e invece aveva afferrato il collo del medico. Sbatté le palpebre mentre la luminosità della luce gli fece lacrimare gli occhi e, con grande dolore e rigidità, girò la testa. Era sdraiato su uno dei divani del Sick Bay dell’Honey B, un sottile lenzuolo drappeggiato sul su corpo altrimenti nudo. Tyla giaceva tremante sul divano accanto al suo, anche lui vestito solo con un lenzuolo. Lei gemé piano e fece dei movimenti flebili con le sue mani.

   Bred tolse le proprie mani dal collo di Vini. Cercò di dire qualcosa, ma aveva la gola così secca e graffiante che non uscì nulla. Vini notò il suo dilemma. “Scommetto che la tua gola è pessima,” disse, prendendo una bottiglia di acqua distillata e lanciando un piccolo schizzo nella sua bocca. “Ho tenuto il tessuto umido, ma non hai avuto niente da bere in quattro giorni.”

   È passato così tanto tempo? Bred fece scivolare l’acqua nella sua bocca, lasciandola assorbire dai tessuti riarsi. “Vini,” raspò dopo essere riuscito a inghiottire dolorosamente, “non credo che tu sia mai stata più bella di quanto non sia mai stata.”

   “Adulatore. Scommetto che lo dici a tutte le donne che ti salvano la vita.”

Содержание отрывка:

  • INDICE
  • Capitolo 1: Palla da Caccia
  • Capitolo 2: Importante Decollo
  • Capitolo 3: Un Sogno Proveniente Da Lethe
  • Другие книги схожей тематики:

    АвторКнигаОписаниеГодЦенаТип книги
    Stevenson R.L.L'isola del tesoro. Ediz. integraleLa mappa di un'isola sperduta nell'oceano, il miraggio di un tesoro nascosto, indimenticabili figure di crudeli pirati e soprattutto il ragazzo protagonista, il coraggioso Jim Hawkins. E poi ancora… — Sodip, - Подробнее...2015
    736бумажная книга

    Stephen Goldin

    Stephen Charles Goldin, born February 28, 1947 in Philadelphia, Pennsylvania, is an American science fiction and fantasy author.

    Life and career

    A graduate of UCLA with a Bachelor's degree in Astronomy, he worked for the U.S. Navy as a civilian space scientist before becoming a full-time writer. He has also worked as a writer and editor for the "San Francisco Ball", designed and written manuals for a number of computer games, and co-taught a writing class at the California State University at Northridge. A member of the Science Fiction and Fantasy Writers of America (SFWA), he has served as editor of its "SFWA Bulletin" and held the position of the association's western regional director.

    Goldin has been married twice, first to Kathleen Sky (from 1972-1982) and later to Mary Mason (from 1987 to present). He has collaborated with both in his fiction. Goldin lives in California.

    Goldin's "The Last Ghost" was a 1972 nominee for the Nebula Award for best short story. [ [http://www.locusmag.com/SFAwards/Db/NebulaNomList.html The LOCUS Index to SF Awards: Nebula Nominees List] ]

    Bibliography

    eries

    * Family d'Alembert (based on a novella by E.E. "Doc" Smith):
    # "Imperial Stars" (with E.E. "Doc" Smith, 1976)
    # "Stranglers' Moon" (1976)
    # "The Clockwork Traitor" (1977)
    # "Getaway World" (1977)
    # "Appointment at Bloodstar" (1978)
    # "The Purity Plot" (1978)
    # "Planet of Treachery" (1982)
    # "Eclipsing Binaries" (1983)
    # "The Omicron Invasion" (1984)
    # "Revolt of the Galaxy" (1985)

    * The Parsina Saga
    ** "Shrine of the Desert Mage" (1988)
    ** "The Storyteller and the Jann" (1988)
    ** "Crystals of Air and Water" (1989)
    ** "Treachery of the Demon King" (2002)

    * The Rehumanization of Jade Darcy (with Mary Mason):
    ** "Jade Darcy and the Affair of Honor" (1988)
    ** "Jade Darcy and the Zen Pirates" (1990)

    * The Mindsaga
    ** "Mindflight" (1978)
    ** "Mindsearch" (2002 - ebook only)

    Novels

    * "And Not Make Dreams Your Master" (1981)
    * "Assault on the Gods" (1977)
    * "Caravan" (1975)
    * "Crossroads of the Galaxy" (1999)
    * "The Eternity Brigade" (1975)
    * "Finish Line" (1976)
    * "Herds" (1975)
    * "Scavenger Hunt" (1976)
    * "Star Rooks" (2004 - ebook only) (with Kathleen Sky)
    * "Trek to Madworld" (Star Trek) (1979)
    * "A World Called Solitude" (1981)

    Collections

    * "The Last Ghost and Other Stories" (collection) (1999)

    Anthologies (editor)

    * "The Alien Condition" (1973)
    * "Protostars" (1971) (with David Gerrold)

    Nonfiction

    * "An Hour with Kathleen Sky" (cassette audiobook) (1979) (with Kathleen Sky)
    * "The Business of Being a Writer" (1982) (with Kathleen Sky)

    References

    External links

    * [http://stephengoldin.com/ Author's website]

    Источник: Stephen Goldin

    Look at other dictionaries:

    • véloce — [ velɔs ] adj. • 1765; astron. 1634; lat. velox, velocis « rapide » ♦ Littér. Agile, rapide. « Vingt quatre lévriers barbaresques, plus véloces que des gazelles » (Flaubert). ● véloce adjectif (latin velox, ocis) Littéraire. Qui se déplace très… …   Encyclopédie Universelle

    • veloce — VELÓCE adj. v. iute, sprinten, vioi. Trimis de siveco, 13.09.2007. Sursa: Sinonime  velóce adj. m., pl. velóci Trimis de siveco, 10.08.2004. Sursa: Dicţionar ortografic  VELÓCE adj …   Dicționar Român

    • veloce — (del lat. «velox, ōcis»; ant.) adj. Veloz. * * * veloce. (Del lat. velox, ōcis). adj. desus. veloz …   Enciclopedia Universal

    • veloce — /ve lotʃe/ [dal lat. velox ocis ]. ■ agg. 1. a. [che si muove e si sposta con grande rapidità: corridore, mezzo di trasporto v. ] ▶◀ celere, (lett.) presto, rapido, (lett.) ratto, [spec. di persona] lesto. ↑ bruciante, folgorante, fulmineo,… …   Enciclopedia Italiana

    • veloce — (izg. velȏče) pril. DEFINICIJA glazb. uputa u glazbenoj partituri da se interpretira brzo, okretno, žustro ETIMOLOGIJA tal …   Hrvatski jezični portal

    • Velōce — (ital., spr. Welohtsche), geschwind, schnell. Velocissimo (spr. Welotschissimo), sehr schnell. Velocität, Geschwindigkeit, Schnelligkeit …   Pierer's Universal-Lexikon

    • Veloce — (ital., spr. welōtsche), eilig, eilend …   Meyers Großes Konversations-Lexikon

    • Veloce — (ital., Mus., spr. welōtsche), geschwind; velocissĭmo, sehr geschwind …   Kleines Konversations-Lexikon

    • veloce — ит. [вэло/чэ] velocemente [вэлочэмэ/нтэ] con velocità [кон вэлочита/] быстро, бегло …   Словарь иностранных музыкальных терминов

    • veloce — adj. 2 g. Forma antiga de veloz …   Dicionário da Língua Portuguesa

    • veloce — (Del lat. velox, ōcis). adj. desus. veloz …   Diccionario de la lengua española


    Share the article and excerpts

    Direct link
    Do a right-click on the link above
    and select “Copy Link”

    Мы используем куки для наилучшего представления нашего сайта. Продолжая использовать данный сайт, вы соглашаетесь с этим.